COME NASCE IL PROGETTO?

UN PO…

Iniziamo con il grande Maestro che da il nome al progetto.

Il Po, anzi Po senza articolo, è il grande fiume, il fiume per eccellenza. Po visto dal Po è un Dio serpente, una voce sempre più femminile – irruente e umile, arrendevole e solenne – silente fra le sue rive deserte. Nessuno sembra scendere a reclamarlo [—] E’ allora che bisogna ascoltarlo, è allora che le sue voci diventano richiami, inviti. E’ allora che il viaggio è una storia che viene da lontano, una storia di uomini stupefatti a cui è richiesta molta interiorità, molta memoria…

Il Po ed il suo Delta sono una geografia unica, affascinante, fatta di saline, boschi, valli; popolata da fenicotteri, aironi, falchi, martin pescatori ma anche cervi, daini e volpi.

E’ una geografia fatta di arte, storia e poesia.
Il nostro scopo è lasciarci guidare dal Delta, dal suo Parco e dalle città e paesi che in queste aree sorgono. Un fiume per tutti; un Po … per tutti.

PER TUTTI…

Proviamo ora a rispondere alla domanda: “Chi sono questi Tutti?
Tutti…sono tutti!

L’obiettivo della nostra Associazione è quello di scoprire e far scoprire il Delta del Po realizzando attività e progetti volti all’accessibilità, intesa come pieno coinvolgimento di chiunque ed in particolar modo:

  • Uomini/donne e bambini con disabilità fisiche e/o sensoriali
  • Famiglie con bambini piccoli
  • Anziani

Organizziamo, collaboriamo ed incentiviamo attività all’aria aperta ed in stretto contatto con la natura ed il territorio;  attività pienamente accessibili e fruibili. Pensate per le abilità, diverse…